COM_SPPAGEBUILDER_ADDON_ARTICLE_NO_ITEMS_FOUND

Comunicati stampa

IMPORTANTE INTERVENTO A POGGIO MIRTETO, FLUSSO IDRICO RIPRISTINATO.

Due squadre specializzate del gestore del Servizio Idrico hanno lavorato per l’intera giornata in una zona impervia del territorio.

Nella mattinata di lunedì 28 giugno, un’importante rottura ha interessato la conduttura principale a servizio del Comune di Poggio Mirteto causando, in tutto il Capoluogo, disagi nella fornitura.

TAVOLO TRA APS, CONSORZIO INDUSTRIALE E UNINDUSTRIA SULLA PROSSIMA FATTURAZIONE DELLE UTENZE IDRICHE.

Piena sinergia tra le parti sul sostegno alle aziende maggiormente in difficoltà.

Il management di Acqua Pubblica Sabina ha incontrato i rappresentanti del Consorzio Industriale della Provincia di Rieti e di Unindustria Rieti per illustrare i contenuti della prossima fatturazione delle utenze idriche ricadenti nel territorio del Consorzio di Rieti – Cittaducale – Fara Sabina.

TAVOLO TRA APS E I SINDACI DELLA BASSA SABINA: NUMERI E INTERVENTI DI UN PERCORSO DI CRESCITA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO.

L’incontro organizzato dal Sindaco di Poggio Mirteto, Giancarlo Micarelli, è il primo di una serie di approfondimenti che APS dedicherà a tutte le aree del territorio servito.

Nei giorni scorsi, su iniziativa del Sindaco di Poggio Mirteto, Giancarlo Micarelli, componente del Comitato per il Controllo Analogo (CCA) e rappresentante della zona della Bassa Sabina, si è tenuto un proficuo tavolo di confronto con il Gestore del Servizio Idrico Integrato Acqua Pubblica Sabina.

Alla riunione hanno partecipato, oltre agli amministratori di Poggio Mirteto, anche i Sindaci di Montopoli, Collevecchio, Cantalupo, Magliano Sabina e Forano.

L’incontro è il primo di una serie che proseguirà nei prossimi mesi, dedicati ognuno ad una zona di competenza del Gestore, nell’ottica della programmazione elaborata dal Comitato di Controllo Analogo con l’obiettivo di mettere in campo una costante azione di confronto e verifica sul percorso di miglioramento del Servizio Idrico Integrato al fine di superare alcuni problemi e criticità ancora ad oggi presenti. Nonostante APS sia una realtà nata da poco, infatti, grazie anche al rapporto con le Amministrazioni locali, sono state introdotte progettualità e attività che hanno come obiettivo quello di condurre il Servizio Idrico Integrato di ATO3 a rappresentare un’eccellenza nel Lazio.

Il confronto incentrato sulla Bassa Sabina – 11 Comuni che complessivamente in APS rappresentano il 22% in termini di popolazione - si è rilevato particolarmente costruttivo e soddisfacente per le Amministrazioni locali e per APS, utile ad approfondire necessità reali in un’ottica di costruttiva collaborazione.

LA DIFFICILE SITUAZIONE EREDITATA E GLI INTERVENTI EFFETTUATI
Nella zona della Bassa Sabina, APS ha ereditato una situazione particolarmente difficile in relazione allo stato delle infrastrutture, considerando che il degrado era classificato tra “alto” e “altissimo” in più del 60% delle reti idriche. Per far fronte a questa situazione, APS ha prodotto uno sforzo importante che, soltanto nel corso del 2020, ha portato a compiere 1251 interventi su acquedotti, fognatura e depurazione.

RAPPORTO CON GLI UTENTI: CROLLA IL NUMERO DI RECLAMI
In linea con quanto registrato sull’intero territorio servito, anche nella Bassa Sabina sono stati compiuti significativi passi avanti nel rapporto con gli utenti e nella capacità di fatturazione di APS che ha determinato un abbattimento della pratica dei ‘consumi stimati’. Soltanto nel Comune di Poggio Mirteto si è passati dalle circa 6600 bollette inviate del 2019 alle oltre 13200 del 2020 mentre le richieste di rifatturazione sono crollate dal 13% del 2019 al 4,5% del 2020, a riprova della significativa diminuzione di reclami inoltrati dall’utenza. APS punta, però, a fare ancora meglio grazie all’ampliamento delle possibilità di dialogo con i clienti – anche attraverso gli Sportelli secondari dislocati sul territorio – ma soprattutto tramite le innovazioni che si stanno introducendo, a partire dalla Smart metering, i cosiddetti ‘contatori intelligenti’, che permetteranno di eliminare del tutto i consumi stimati, fatturando soltanto quanto effettivamente consumato.

IL PIANO DEGLI INTERVENTI 2020/2027
Nello sviluppo del Piano degli Interventi 2020/2027, la Bassa Sabina avrà un ruolo da protagonista con investimenti molto rilevanti che elimineranno le criticità riscontrate finora, come ad esempio le situazioni di emergenza idrica verificatesi lo scorso anno tra gli altri nei Comuni di Magliano e Forano. A lungo termine, inoltre, il Piano degli interventi punta a conseguire una forte riduzione della dispersione idrica, dal 65% al 35% entro il 2027.

“Ringrazio la governance di APS per aver accettato e condiviso questa modalità di confronto sui territori che ritengo fondamentale al fine di affrontare problematiche dei singoli Comuni – dichiara il Sindaco di Poggio Mirteto, Giancarlo Micarelli – Da parte degli amministratori locali sono state esposte le varie criticità con un confronto volto a trovare delle soluzioni correttive su gestione quotidiana, riparazioni, ripristini e fatturazioni nonché prospettive future sugli investimenti. Ovviamente con l’auspicio che i temi in discussione siano oggetto di azioni concrete nei prossimi mesi”.

FATTURAZIONE USI PUBBLICI: APS APPLICA QUANTO DECISO DALLA CONFERENZA DEI SINDACI A GENNAIO 2021

Il Presidente Turina: “piena disponibilità a partecipare alla riunione con i Sindaci che dovranno vagliare ed eventualmente decidere soluzioni alternative”.
 
In riferimento alle dichiarazioni del Consigliere regionale Fabio Refrigeri e di alcuni Sindaci afferenti ad ATO3, si evidenzia che il gestore del Servizio Idrico Integrato, Acqua Pubblica Sabina, sta attuando quanto stabilito dalla riunione della Conferenza dei Sindaci del gennaio 2021.  

In particolare, si sottolinea che, secondo il Regolamento ATO3, art.40, la tariffa è unica per tutti i Comuni serviti dal Gestore che applica la tariffa dei servizi
somministrati secondo l’articolazione tariffaria in vigore e in relazione alla tipologia d’uso attribuita all’utenza, essendo peraltro obbligato a fatturare i consumi dall’inizio della gestione. 

Poiché i Comuni gestiti non hanno mai installato i contatori sulle proprie utenze ad uso pubblico, dopo aver proceduto ad una ricognizione delle utenze comunali, APS sta già da tempo provvedendo all’installazione dei misuratori. Si ricorda, inoltre, che APS, secondo quanto impone il regolatore, è obbligata a ‘certificare’ il dato di fatturazione con un rilievo iniziale stimato tabellarmente e, successivamente, procedere al conguaglio con i consumi da lettura. 

“Alla luce di quanto descritto, appare evidente che il Consigliere Refrigeri dovrebbe approfondire meglio le procedure che regolano il sistema di gestione prima di rilasciare dichiarazioni prive di fondamento essendo APS obbligata a rispettare il deliberato della Conferenza dei Sindaci – spiega il Presidente di Acqua Pubblica Sabina, Maurizio Turina – Al Coordinatore di ATO3, Mariano Calisse, abbiamo già comunicato la nostra disponibilità a partecipare alla riunione annunciata per i prossimi giorni. In quella occasione ipotesi e soluzioni alternative potranno essere vagliate proprio dai Sindaci allo scopo di attenuare quanto attualmente disciplinato dal Regolamento approvo dalla Conferenza ATO3 nel gennaio scorso”.

banner intero numero verde

ACQUA PUBBLICA SABINA S.p.A.

Via Mercatanti, 8 - 02100 Rieti (RI)

Call Center: 800 211 330

info@acquapubblicasabina.it

info.aps@pec.it

Capitale sociale int. vers. € 2.000.000,00

Registro delle imprese RI n° 01138990575 REA RI n° 71027

LINK VELOCI

SERVIZI ONLINE

 

 

sportello web footer

my aps footer