Visite: 174

Ingiunzione di pagamento

Acqua Pubblica Sabina, con Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 3 marzo 2022, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n.60, del 12-03-2022, è stata autorizzata, ai sensi dell’art. 17, comma 3 bis, del D. Lgs n. 46 del 26/02/1999, alla riscossione coattiva mediante ruolo dei propri crediti e, quindi, ai sensi del comma 3 -ter del medesimo art. 17, all’emanazione dell’ingiunzione di pagamento prevista dall’art. 2, primo comma, del Regio Decreto 14/04/1910 n. 639.

 Pertanto, Acqua Pubblica Sabina S.p.a. potrà notificare una ingiunzione di pagamento a tutti gli utenti con persistente stato di morosità.

 Trascorso il termine di 30 giorni dalla notifica, senza che l’utente abbia pagato o proposto opposizione, si precostituisce il titolo esecutivo, che legittima Acqua Pubblica Sabina a porre in essere la procedura tramite ruolo, di competenza di Agenzia delle Entrate-Riscossione, con ulteriore addebito di oneri, interessi e spese a carico dell’utente.

La notifica dell’ordinanza ingiunzione ha valore interruttivo dei termini prescrizionali così come disposto dall’art. 2943 c.c.

 Per il pagamento dell’importo contenuto nell’ingiunzione di pagamento è possibile utilizzare una delle modalità di seguito indicate:

- bollettino postale premarcato (oppure Avviso PAGOPA);

- bonifico bancario intestato ad Acqua Pubblica Sabina S.p.A. con inserite nella causale di pagamento, numero identificativo dell’ingiunzione e il codice fornitura dell’utenza.

 Per richiedere, invece, copia della/delle fattura/fatture e/o riportate nell’ingiunzione e/o inoltrare reclamo o richiesta di rettifica di fatturazione sono a disposizione i seguenti recapiti:

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

 

L’ufficio Crediti di Acqua Pubblica Sabina provvederà all’esame di eventuali istanze di annullamento e/o di riesame dell’atto, adottando, nel caso in cui si riscontrino i presupposti, i relativi provvedimenti di rettifica e/o di annullamento.

Stampa